Accoglienza

Il cammino di Compostela è un viaggio spirituale, iniziatico per i pellegrini di qualsiasi fede e posizione. Un numero crescente di pellegrini ispirati o di semplici camminatori, segue le numerose vie che permettono di raggiungere Santiago di Compostela, al termine della Galizia. La grande folla dei pellegrini, la si incontra soltanto in Spagna.

Se gli stranieri, per la maggior parte, cominciano il pellegrinaggio in Spagna, molti stranieri coraggiosi partono a piedi dai loro rispettivi paesi, per raggiungere Puy-en-Velay, la città di partenza che oggi ha il favore dei camminatori. Nettamente meno numerosi sono coloro che partono da Vézelay, da Arles o da Parigi. Però prima di arrivare in Francia, occorre attraversare i paesi limitrofi, come il Belgio o la Svizzera.  Così, i tedeschi coraggiosi e la gente dei paesi dell’Est, dopo avere attraversato la Germania o l’Austria, arrivano spesso sui bordi del lago di Costanza, alla frontiera germano-svizzera. Altri arrivano vicino a Basilea e raggiungono Puy-en-Velay, sia attraversando la Borgogna, o anche la Svizzera passando per Ginevra.

Questo sito propone una descrizione dettagliata delle vie attraverso la Svizzera (via Jacobi, via Lugdunum e via Gebennensis), che permettono di raggiungere Puy-en-Velay e della Via Podiensis, che collega Puy-en-Velay a St Jean-Pied de Port/Roncevaux, alla frontiera spagnola. Questo sito copre la maggior parte degli aspetti del viaggio (descrizione delle tappe, profili, stato dei cammini, dislivelli, ed alloggi).

 

Seguire il cammino di Compostela è alla portata della maggior parte delle persone. Non è né un cammino molto difficile, né un cammino pericoloso. La motivazione e il piacere restano i motori fondamentali di questo percorso. Ascoltarsi, è uno dei principi di base. Ciascuno cercherà il suo ritmo affinché il piacere resti il sentimento principale del viaggio! I pellegrini non sono tutti camminatori provetti. Il piede è la parte più importante del pellegrino. Occorre sapere risparmiarlo ed organizzare le proprie tappe di conseguenza. Lo stato dei cammini incontrati (strade, cammini pietrosi o no, cammini di terra o erbosi), le pendenze del percorso, la durata delle tappe, sono tutti parametri da conoscere nella pianificazione delle tappe, per non andare incontro a sorprese a volte inattese. Allora, la maggior parte delle informazioni che avete trovato in questo sito (tragitti, schemi, dislivelli, stato dei cammini, indirizzi e numeri di telefono degli alloggi) è stata raccolta in un libro intitolato: “Compostela, un passo dinanzi all’altro„. Sarà facile metterlo in una tasca dello zaino! Il libro è disponibile su Amazon. Questo piccolo libro, soltanto in francese, descrive accuratamente la via Podiensis, la via più popolare della Francia.